PEDALIERE E ALIMENTATORI

Per completare la strumentazione del musicista, realizziamo pedaliere ed alimentatori progettati ad hoc. 

bass.jpg

ALIMENTATORE MULTIPLO PER PEDALIERE

Molti chitarristi affermano che i pedali alimentati a pile suonino bene mentre se gli stessi vengono alimentati con un alimentatore in “daisychain”, ovvero con un cavo che entra ed esce da  ciascun pedale iniziano i problemi. Ci sono più ragioni perché questo avviene, la più significativa è la creazione di maglie di  massa, cosiddetti “loop di massa” creati dalla continuità tra la massa di alimentazione e la massa  del segnale, un’altra ragione è propria dei pedali digitali. Questi ultimi cercano di avere un segnale pulito e filtrato e ci riescono anche bene, tuttavia essendo presenti clock ed onde quadre spesso sono poco filtrati verso l’alimentazione quindi la sporcizia che ribaltano verso l’alimentatore viene riportata agli altri pedali tramite il collegamento in parallelo delle alimentazioni. Le soluzioni sono soltanto due, la prima è di utilizzare le pile con tutti i problemi conseguenti cioè il costo, la reperibilità quando sono scariche in modo imprevisto, la seconda è di procurarsi una bella ciabatta o anche più di una sulle quali alloggiare tanti alimentatori quanti sono i pedali… insomma non è il massimo.

Esiste però una terza soluzione, questa:

Nella foto accanto sono riportati due alimentatori multipli, quello in alto dispone di 6 uscite a 9V con oltre 150mA, quello in basso dispone di 1 uscita a 9V, 2 uscite commutabili 9/12V ed una uscita a 15 Volt da oltre 450mA ed è un custom per una pedaliera richiesta. I collegamenti sono molto semplici l’entrata è a 230V con i morsetti a vite, bilaterali per permettere l’entrata del cavo dal lato preferito e/o per mettere in cascata facilmente più moduli. 

Oltre quelli in foto sono disponibili moduli con 4, 5, 6, 8, 10 e 12 uscite commutabili 9/12V, e poi i custom su richiesta per esigenze particolari. Questi moduli vengono forniti così come nelle foto per essere integrati in una struttura tipicamente “Flight Case”.

La sicurezza elettrica è assicurata da trasformatori in doppio isolamento e da una soletta di PVC espanso da 3mm che viene incollata al di sotto del circuito stampato, coprendo tutte le piste sia di bassa tensione che a tensione di rete.

Le connessioni di bassa tensione avvengono tramite morsettiere a molla professionali che garantiscono un contatto affidabile ed una estrema facilità di collegamento che in campo non richiede giraviti, che sono sempre poco reperibili.

Il colore verde indica il polo negativo, l’arancione il polo positivo. I due contatti sono in posizione ravvicinata per indicare che quella è la coppia di contatti che alimenta un pedale.

In pratica ci sono 4, 5, 6, 8, 10 o 12 alimentatori stabilizzati distinti e separati galvanicamente tra di loro, equivalenti a pile a 9 Volt. Sono sicuramente più leggeri e più compatti di 4, 5, 6, 8, 10 o 12 alimentatori con una ciabatta da 4, 5, 6, 8, 10 e 12 posti.

REALIZZAZIONE DELLA PEDALIERA

Gli alimentatori vengono integrati in appositi Flight Case che sono realizzati appositamente in base alle esigenze del chitarrista,.

Le interconnessioni tra i pedali, nonché le alimentazioni viaggiano all’interno dell’intercapedine ricavata tra il piano dove i pedali poggiano ed il fondo del flight case. In questo modo il prodotto finale risulta esteticamente pregevole, pulito e compatto.

I cavi sia di alimentazione che di segnale utilizzano tutti connettori di qualità torniti, per renderli compatibili con i vari pedali e facendo in modo che tra un pedale e l’altro lo spazio necessario alle connessioni sia ridotto ad un centimetro. Questa particolarità rende uniche queste pedaliere nel loro genere e garantisce connessioni senza problemi.

L’alimentatore trova normalmente posto in uno spazio ricavato in un apposito vano nella pedaliera che comporta un gradino di qualche centimetro. Questo costituisce un piano molto utile per una seconda fila di pedali che essendo leggermente sopraelevati sono maggiormente ragguingibili dalla punta del piede rendendo più agevole il loro inserimento.

In ogni caso la pedaliera realizzata è munita di spia che segnala la presenza della rete elettrica, del fusibile di protezione, e della interconnessione per collegare il cavo che va alla presa a muro o in ciabatta.

SPECIFICHE TECNICHE

Tipologia:

ogni canale è composto da un alimentatore lineare analogico, non switching senza emissione di armoniche spurie, stabilizzato con Circuito Integrato.

Tecnica utilizzata:

multi uscita con masse elettricamente separate ed indipendenti. Eliminati LOOP DI MASSA e disturbi condotti, dovuti al parallelo delle alimentazioni dei pedali.

Alimentazione :

230 Volt AC

Potenza assorbita:

12VA (unità con 4 uscite)

15VA (unità con 5 uscite)

18VA (unità con 6 uscite)

24VA (unità con 8 uscite)

30VA (unità con 10 uscite)

36VA (unità con 12 uscite)

Tensione di uscita:

9/12Vdc (commutabili tramite jumper)

Selezione tensione:

9V con Jumper inserito, 12V con Jumper disinserito e led acceso (ogni uscita dispone di questa funzione).

Corrente di uscita:

150mA per ogni uscita, le uscite si possono unire in parallelo per ottenere più corrente.

Connessioni:

Ingresso 230V, doppia morsettiera a vite alle due estremità del modulo

Uscite a bassa tensione, morsettiera a molla

Peso:

370 grammi massimi per modulo a quattro uscite

450 grammi massimi per modulo a cinque uscite

550 grammi massimi per modulo a sei uscite

720 grammi massimi per modulo a otto uscite

950 grammi massimi per modulo a dieci uscite

1100 grammi massimi per modulo a dodici uscite

Dimensioni:

altezza 28mm, profondità 72mm per tutti i moduli.

Larghezza:

138mm, per modulo a quattro uscite.

173mm, per modulo a cinque uscite.

208mm, per modulo a sei uscite.

274mm, per modulo a otto uscite.

346mm, per modulo dieci uscite.

416mm, per modulo dodici uscite.

Temperatura d’uso:

0-50°C